Introduzione

La regolazione della pressione oncotica del plasma, il mantenimento dell’equilibrio acido-base, la funzione di trasporto e di scavenger, sono solo alcune delle attività svolte dall’albumina nel nostro organismo. L’importanza di questa proteina secreta dal fegato è notevole, pertanto eventi che ne  causino una diminuzione nella produzione o che ne modifichino la struttura originale, riducono, di conseguenza, anche la sua capacità d’azione.

Con il termine glicazione viene indicata una reazione mediante la quale gli zuccheri si legano ad alcuni gruppi di proteine come quelle della matrice extracellulare (ECM) (una struttura composta da macromolecole extracellulari che comprendono collageni, proteoglicani e glicoproteine1,36) oppure a molecole circolanti come l’albumina portando alla formazione degli AGEs (advanced glycation endproducts) o prodotti avanzati della glicazione: si tratta di composti in grado di influenzare le proprietà biochimiche e fisiche delle proteine interessate come la carica, l’idrofobicità, il turnover e l’adesione cellulare. Le modifiche che avvengono in seguito a queste  reazioni sono importanti al punto tale è stato possibile stabilire una relazione tra elevato accumulo di AGEs e insorgenza di malattie croniche correlate all’età, quali aterosclerosi,  diabete, artrite e malattie neurodegenerative2,3,4.

In particolare, modifiche strutturali che interessino l’albumina, determinate dalla glicazione e dalla successiva formazione di AGE, possono causare danni vascolari, predisporre a patologie cardiovascolari e causare alterazioni in quelle che sono le sue azioni fisiologiche5,6.

Albumina

L’albumina è una proteina importante per l’omeostasi dell’organismo, è prodotta dal fegato e veicolata in circolo. E’ contenuta anche nell’albume dell’uovo, da cui prende il nome.

Il normale intervallo di valori della concentrazione di albumina nel sangue varia da 3,5 a 5,0 g/dl e rappresenta la proteina più abbondante nel plasma, pari al 55-60% delle proteine presenti nel siero.  Ogni molecola di albumina ha un’emivita di 27 giorni e in quel lasso di tempo effettua circa 15.000 passaggi nella circolazione. Inoltre risulta essere la proteina più abbondante nell’organismo umano costituendo il 55% del contenuto proteico totale (TBprotein-total body protein).

La sintesi di albumina è appannaggio del fegato, ma alcune citochine ne regolano la produzione: è il caso delle citochine pro-infiammatorie IL6 e il TFN-alfa che inducono la down-regulation.

Funzioni dell’albumina

L’albumina è la principale responsabile del mantenimento della pressione oncotica del plasma svolgendo un ruolo cruciale nel modulare la distribuzione dei fluidi tra i compartimenti intra ed extracellulare (ICW/ECW); è in grado di regolare la permeabilità capillare, ha proprietà di trasporto (farmaci, ormoni, sostanze tossiche, ioni, acidi grassi liberi), antiossidanti e di  scavenger di radicali liberi, inoltre è importante per la sua funzione di tampone in quanto regola l’equilibrio acido-base plasmatico10.

Regolazione della pressione oncotica

Lo scambio di liquidi tra compartimento intravascolare ed extravascolare è sostanzialmente regolato dal livello di pressione idrostatica e dal grado di permeabilità della membrana dei capillari. L’albumina gioca un ruolo fondamentale in questo contesto ed è responsabile dell’80% della pressione oncotica plasmatica, ovvero la pressione osmotica necessaria per la corretta distribuzione dei liquidi corporei intra ed extracellulari (ICW-ECW).

Tale ruolo è dovuto alla sua azione osmotica diretta e alle cariche negative con cui trattiene gli ioni a carica positiva nel comparto intravascolare: le molecole di albumina sono a carica negativa, come la membrana del glomerulo renale, la repulsione elettrostatica impedisce quindi, normalmente il passaggio dell’albumina nell’urina.

Mantenimento dell’integrità vascolare

E’ possibile che l’albumina svolga un ruolo importante nel limitare l’edema capillare durante l’aumento della permeabilità capillare. Le cellule endoteliali sembrano essere in grado di controllare le proprietà di permeabilità della membrana capillare, modificando la natura e la distribuzione delle glicoproteine nella parete del vaso. L’albumina ha un ruolo in questa azione, anche se l’esatto meccanismo non è stato completamente chiarito: si ipotizza che sia coinvolta la forte carica negativa presente sulle molecole di albumina che respinge altre molecole caricate negativamente nella membrana oppure che la molecola di albumina svolga un’azione di ingombro spaziale che riduce la dimensione dei canali. L’albumina è interessata anche nella modulazione del tono vascolare nei diversi distretti vasali poiché l’ossido nitrico (NO) si lega ai suoi gruppi sulfidrilici per formare un complesso stabile che risulta proteggerlo dalla rapida degradazione: l’albumina riduce l’intensità massima della risposta vasodilatatoria indotta dall’ossido nitrico.

Regolazione dell’equilibrio acido-base

L’albumina contiene dei residui di istidina (che possiede una costante di dissociazione acida) che la rende un ottimo tampone donatore di cariche positive in caso di alcalosi e cariche negative in caso di acidosi.

Trasporto e protezione da sostanze tossiche, ormoni e farmaci

Grazie alla sua alta carica negativa, l’albumina è in grado di legare e trasportare una grande varietà di sostanze endogene ed esogene, esplicando anche funzioni protettive mediante il sequestro di sostanze tossiche. Essa possiede ottime capacità di legame per calcio, sodio e oligoelementi (Rame, zinco), inoltre è una proteina di trasporto importante per gli acidi grassi, la bilirubina, gli ormoni (steroidi, tiroxina), l’acido folico e i farmaci.

Il legame dei farmaci con le proteine plasmatiche, in particolare con l’albumina, può modificarsi in diverse condizioni patologiche: negli stadi avanzati di malattie epatiche croniche, come la cirrosi, si può determinare una condizione di ipoalbuminemia con diminuzione del legame proteico ai farmaci; la maggior presenza in circolo di farmaci non legati può comportare, almeno teoricamente, un aumentato rischio di effetti indesiderati.

Anche un’alterazione strutturale, causata per esempio dalla glicosilazione, è in grado di determinare un cambiamento delle sue proprietà: l’albumina glicosilata ha un’affinità ridotta di circa il 50% nei confronti della bilirubina rispetto alla forma non glicosilata9.

Di notevole importanza è inoltre la sua azione chelante nei confronti di metalli quali: rame, zinco, cadmio, nichel e cobalto11,12,13,14,15,16,17,18,19.

Funzione antiossidante

L’albumina possiede un altissimo potere antiossidante in quanto è la maggior fonte extracellulare di gruppi sulfidrilici che sono avidi sequestratori di radicali liberi5,7.

Cause di variazione nella produzione

Ci sono vari fattori che possono influenzare la produzione di albumina; in genere un abbassamento dei valori plasmatici di albumina si manifestano per digiuno, disturbi dell’assorbimento intestinale, in caso di anomalie nella sintesi epatica, infiammazioni croniche sistemiche e patologie stress correlate.

L’iperalbuminemia (aumento del tasso di albumina nel sangue) è un evento molto raro e quasi sempre dovuto a uno stato di disidratazione.

Condizioni nutrizionali

Il tasso di sintesi dell’albumina dipende dall’apporto nutrizionale, più che dalle proteine epatiche. Non solo il digiuno, ma anche l’esclusione delle proteine dalla dieta, riducono la sintesi di albumina.

Cause ormonali

L’insulina è necessaria per un’adeguata sintesi di albumina: soggetti diabetici hanno un tasso di sintesi ridotto, che migliora con l’infusione di insulina.

Anche l’alterazione del ritmo circadiano del cortisolo (alterazione dell’asse HPA) ha dimostrato influire sulla secrezione di albumina. La contemporanea somministrazione di glucocorticoidi e insulina determina un incremento della sintesi di albumina maggiore rispetto alla somministrazione dei singoli ormoni20,21,22.

Malattia

I traumi e le malattie non solo influenzano la sintesi e la degradazione di albumina, ma ne alterano anche la distribuzione tra i compartimenti intravascolare ed extravascolare. La concentrazione di albumina sierica diminuisce, spesso in modo significativo, già dalle prime ore del corso di una malattia e non aumenta fino alla fase di recupero.

Le patologie che alterano la produzione di albumina sono:

  1. Malattia epatica: una riduzione dell’albumina si è vista anche in cellule di epatoma e negli epatociti danneggiati con tetracloruro di carbonio.
  2. Cancro: nei tumori l’alto tenore di citochine proinfiammatotie TNF-alfa induce un forte stato di down-regulation dell’albumina e una riduzione dell’emivita dell’albumina in quanto usata dalla neoplasia in crescita.
  3. Sepsi e stress chirurgici importanti portano a un’alterata distribuzione dell’albumina dovuta a un aumento della permeabilità capillare; si tratta di una disfunzione della barriera endoteliale, con conseguente perdita capillare di proteine, cellule infiammatorie e grandi volumi di liquido nello spazio interstiziale. Il tasso di fuga transcapillare di albumina aumenta fino al 300% nei pazienti con shock settico e del 100% dopo chirurgia cardiaca. In pazienti che si trovano in condizioni cliniche critiche si è assistito a un aumento della velocità del tasso di trascrizione del gene per la proteina C-reattiva e a una diminuzione del tasso di trascrizione dell’mRNA dell’albumina, quindi alla conseguente riduzione nella produzione della stessa. IL-6 e TNF-α agiscono entrambi riducendo il gene della trascrizione per la sintesi di albumina23.
  4. Diabete: soggetti con patologia diabetica hanno un aumento della concentrazione delle proteine glicate. L’albumina glicata ha una carica meno negativa rispetto all’albumina nativa per cui viene eliminata molto più facilmente nella filtrazione renale.

Alterazione strutturale: glicazione dell’albumina

La glicazione (o glicosilazione non enzimatica) è il prodotto di una serie di reazioni tra uno zucchero e una proteina che avviene senza un intervento enzimatico, perciò la reazione dipende solamente dalla quantità di glucosio nel sangue, dalla quantità di proteine e dai gruppi amminici liberi. Questo processo altera la struttura proteica al punto tale da pregiudicarne il funzionamento.

La glicazione dell’albumina è un evento che si manifesta in modo particolare nella patologia diabetica determinando risvolti negativi nella progressione della patologia.

Diversi studi hanno dimostrato che concentrazioni elevate di albumina glicata predispongono allo sviluppo della retinopatia diabetica, concorrono alla comparsa della nefropatia diabetica e contribuiscono a complicanze vascolari8,9,33,35.

L’impatto della glicazione sulla struttura di questa proteina riguarda tutte le sue attività in particolare la sua capacità di legame (chelante) e le sue proprietà antiossidanti.

Albumina e correlazioni cliniche

L’importanza dei livelli di albumina nel siero riguardano il mantenimento di un buono stato di salute e la sua diminuzione viene associata a un aumento del rischio di mortalità24.

E’ stato osservato che la carenza di albumina nei pazienti risulta essere un indice prognostico sfavorevole di malattia: una bassa concentrazione di albumina sierica è correlata con un aumento della durata della permanenza nel reparto di terapia intensiva e con aumento delle complicanze (dipendenza dalla respirazione artificiale, sviluppo di nuove infezioni). Nei soggetti non-sopravvissuti a malattie gravi sono state rilevate concentrazioni di albumina sierica più basse rispetto ai soggetti sopravvissuti25.

Studi effettuati su soggetti sani e su pazienti con malattie acute o croniche, hanno stabilito una relazione inversa tra concentrazione di albumina nel siero e rischio di mortalità26,32, inoltre l’aumentata escrezione di albumina sembra essere associata anche a patologie cardiovascolari.

L’albumina, infine, è un buon marcatore di cambiamenti rapidi dello status nutrizionale e riflette le condizioni di cachessia e sarcopenia, forti perdite della massa magra e stati di malassorbimento (Tbprotein, Skeletal muscle FFM, FFM).

L’ipoalbuminemia di diverso grado è correlata alla severità della patologia epatica; la comparsa di albumina nelle urine del malato è indice di svariate condizioni di infiammazione cronica, sindromi nefrosiche e diabete (la microalbuminuria è una caratteristica della nefropatia diabetica)27.

Pralbumina

La PRALBUMINA è costituita e integrata da albumina (proteina dell’uovo) e tamponi a carica negativa.

PRALBUMINA integra le proprietà dell’albumina a quelle di un PRAL molto basso (-35).

L’albumina regola e mantiene la pressione osmotica necessaria per la corretta distribuzione dei liquidi corporei (ICW-ECW), modula il tono vascolare nei diversi distretti vascolari poiché si lega all’ossido nitrico proteggendolo da una rapida degradazione, regola il pH, ha funzioni antiossidanti e di scavenger, funge da trasportatore di ormoni e sostanze tossiche agendo da chelante nei confronti di metalli quali rame, zinco, cadmio, nichel e cobalto.

Il PRAL-Potential Renal Acid Load rappresenta il tenore acidificante o alcalinizzante dei cibi, calcolato in base al contenuto di proteine, fosforo, potassio, magnesio e calcio. Alimenti come pesce e carne hanno un alto potenziale di carico acido renale (PRAL) così come  molti prodotti derivati del grano e formaggi, invece frutta e verdura hanno un PRAL negativo, il che significa che forniscono elementi alcalinizzanti (vd tabella Carico Glicemico e PRAL valore massimo www.portaledinu.it/press).

Il bilanciamento acido-basico nutrizionale è correlato a fattori di rischio cardiometabolico: aumenti dei livelli di PRAL (dieta a maggior carico acidificante) si correlano valori di pressione sistolica e diastolica più elevati, un aumento del colesterolo totale e dell’LDL (vd “PRAL, GL, infiammazione e stress: evidenze cliniche” www.portaledinu.it/press) oltre alla riduzione del tenore minerale del tessuto osseo (Densità, Bm-bone mineral, Bbuffer-tampone bicarbonato, TBP-total body phosphate, TBCa-total body calcium) e alla perdita di massa magra (FFM-fat free mass, muscle FFM)28,29,30,31,36.

Assicurare un pH basico all’organismo è quindi di fondamentale importanza per il mantenimento della salute (vd “Acidosi Fissa, Volatile, Sistemi Tampone – Bbuffer” www.portaledinu.it/press); Melcalin PRALBUMINA è un prodotto a carica negativa, fortemente alcalino, nel quale il potenziale di carico acido renale positivo che deriverebbe dall’assunzione di una fonte proteica come l’albumina viene neutralizzato dalla formulazione che consente invece di apportare un valore di PRAL molto negativo (-35).

I benefici derivanti dalle molteplici proprietà dell’albumina si sommano a quelli derivanti da un’alimentazione a PRAL negativo: la combinazione dei due elementi risulta un’ottima supplementazione da indicare in diverse situazioni quali gonfiori agli arti (funzione oncotica), valori bassi di massa magra (FFM), come coadiuvante nel recupero della massa muscolare (Skeletal muscle FFM), nella regolazione dell’equilibrio acido-base, per l’azione antiossidante, chelante e di trasporto di sostanze tossiche oppure in quei soggetti che per cause patologiche o nutrizionali non riescono ad assumere sufficienti quantità di proteine.

Bibliografia:

  1. Yufen Zhang, Viera Lukacova, Katie Reindl, Stefan Balaz. Quantitative characterization of binding of small molecules to extracellular matrix. Journal of Biochemical and Biophysical Methods Volume 67, Issues 2-3, 30 June 2006, Pages 107-122
  2. Martin O. Judex, Barbara M. Mueller. Plasminogen Activation/Plasmin in Rheumatoid Arthritis : Matrix Degradation and More. The American Journal of Pathology Volume 166, Issue 3, March 2005, Pages 645-647
  3. J. Labat-Robert, L. Robert. Aging of the extracellular matrix and its pathology.  Experimental Gerontology Volume 23, Issue 1, 1988, Pages 5-18.
  4. George L. Bakris, Alan J. Bank, David A. Kass, Joel M. Neutel, Richard A. Preston, Suzanne Oparil. Advanced glycation end-product cross – link breakers: A novel approach to cardiovascular pathologies related to the aging process. American Journal of Hypertension Volume 17, Issue 12, Supplement, December 2004, Pages S23-S30
  5. Clin Sci (Lond). 2008 Feb;114(3):251-6. Impairment of the antioxidant properties of serum albumin in patients with diabetes: protective effects of metformin. Faure P.
  6. J Lab Clin Med.2003 Apr;141(4):242-9.Glycated albumin increases oxidative stress, activates NF-kappa B and extracellular signal-regulated kinase (ERK), and stimulates ERK-dependent transforming growth factor-beta 1 production in macrophage RAW cells.Cohen MP, Shea S.
  7. Marjolaine Roche, Philippe Rondeau, Nihar Ranjan Singh, Evelyne Tarnus, Emmanuel Bourdon. The antioxidant properties of serum albumin. Flebs letters Volume 582, Issue 13, 11 June 2008, Pages 1783-1787
  8. Philippe Rondeau, Emmanuel Bourdon. The glycation of albumin : Structural and functional impacts. Biochimie Volume 93, Issue 4, April 2011, Pages 645-658
  9. Shaklai N, Garlick RL, Bunn HF. Nonenzymatic glycosylation of human serum albumin alters its conformation and function. J Biol Chem. 1984 Mar 25;259(6):3812-7.
  10. Evans TW. Review article: albumin as a drug–biological effects of albumin unrelated to oncotic pressure. Aliment Pharmacol Ther. 2002 Dec;16 Suppl 5:6-11.
  11. Silvia Martini, Claudia Bonechi, Mario Casolaro, Gianfranco Corbini, Claudio Rossi, Drug–protein recognition processes investigated by NMR relaxation data: A study on corticosteroid – albumin interactions. Biochemical Pharmacology Volume 71, Issue 6, 14 March 2006, Pages 858-864
  12. Marcel J.E. Fischer, Octaaf J.M. Bos, RenéF. van der Linden, Jaap Wilting, Lambert. H.M. Janssen Steroid binding to human serum albumin and fragments thereof: Role of protein conformation and fatty acid content. Biochemical Pharmacology Volume 45, Issue 12, 22 June 1993, Pages 2411-2416
  13. Michael E Baker. Albumin ‘s role in steroid hormone action and the origins of vertebrates: is albumin an essential protein?. Flebs Letter Volume 439, Issues 1-2, 13 November 1998, Pages 9-12
  14. Wojciech Bala, , John Christodouloub, Peter J. Sadlerc, Alan Tucker. Multi-metal binding site of serum albumin. Journal of Inorganic Biochemistry Volume 70, Issue 1, April 1998, Pages 33-39
  15. Sakda T. Trisak, Prayong Doumgdee, Bernd M. Rode. Binding of zinc and cadmium to human serum albumin. International Journal of Biochemistry Volume 22, Issue 9, 1990, Pages 977-981
  16. P. Bourassa, I. Hasni, H.A. Tajmir-Riahi. Folic acid complexes with human and bovine serum albumins.  Food Chemistry Volume 129, Issue 3, 1 December 2011, Pages 1148-1155
  17. Bernhard Kreymann , , Markus Seige, Ursula Schweigart, Klaus-Friedrich Kopp, Meinhard Classen. Albumin dialysis: effective removal of copper in a patient with fulminant Wilson disease and successful bridging to liver transplantation: a new possibility for the elimination of protein-bound toxins. Journal of Hepatology Volume 31, Issue 6, December 1999, Pages 1080-1085
  18. Sokołowska M, Wszelaka-Rylik M, Poznański J, Bal W. Spectroscopic and thermodynamic determination of three distinct binding sites for Co(II) ions in human serum albumin. J Inorg Biochem. 2009 Jul;103(7):1005-13. Epub 2009 May 3.
  19. David Bar-Or, Leonard T. Rael, Raphael Bar-Or, Denetta S. Slone, Charles W. Mains, Nagaraja K.R. Rao, C. Gerald Curtis. The cobalt–albumin binding assay: Insights into its mode of action. Clinica Chimica Acta Volume 387, Issues 1-2, January 2008, Pages 120-127
  20. Bruttomesso D, Iori E, Kiwanuka E, Zanetti M, Pianta A, Vettore M, Tiengo A, Tessari P. Insulin infusion normalizes fasting and post-prandial albumin and fibrinogen synthesis in Type 1 diabetes mellitus. Diabet Med. 2001 Nov;18(11):915-20.
  21. Pierpaolo De Feo,t Margaret Gan Gaisano and Morey W. Haymond. Differential Effects of Insulin Deficiency on Albumin and Fibrinogen Synthesis in Humans. J.Clin.Invest. Vol 88, Sept.1991, 833-840
  22. Han J. Moshage, Hans J.W. de Haard, Hans M.G. Princen, Sing Hiem Yap. The influence of glucocorticoid on albumin synthesis and its messenger RNA in rat in vivo and in hepatocyte suspension culture. Biochimica et Biophysica Acta (BBA) – Gene Structure and Expression Volume 824, Issue 1, 29 January 1985, Pages 27-33
  23. Chih-Dou Chou, Huey-Wen Yien, Der-Min Wu, Cheng-Deng Kuo, Albumin Administration in Patients with Severe Sepsis Due to Secondary Peritonitis. Journal of the Chinese Medical Association Volume 72, Issue 5, May 2009.
  24. Basil T. Doumas, Theodore Peters Jr. Serum and urine albumin : a progress report on their measurement and clinical significance. Clinica Chimica Acta Volume 258, Issue 1, 3 February 1997, Pages 3-20
  25. J.P.Nicholson, M.R.Wolmarans and G.R.Park. The role of albumin in critical illness. Oxforx Journals (2000) 85 (4): 599-610.
  26. 26 Philip Goldwasser, Joseph Feldman. Association of serum albumin and mortality risk. Journal of Clinical Epidemiology Volume 50, Issue 6, June 1997, Pages 693-703
  27. Matthew King-Yan WONG, Man-Fai LAM, Yu-Hung LEUNG, Mona Man-Yu TSE, Sidney Chi-Fai TAM, Sing-Leung LUI, Wai-Kei LO  Detection of microalbuminuria in non-insulin dependent diabetes mellitus (NIDDM) patients without overt proteinuria by a semiquantitative albumin -creatinine urine strips. Hong Kong Journal of Nephrology Volume 1, Issue 1, October 1999, Pages 18-22
  28. Zhang L, Curhan GC, Forman JP. Diet-dependent net acid load and risk of incident hypertension in United States women. Hypertension. 2009 Oct;54(4):751-5. Epub 2009 Aug 10.
  29. Dargent-Molina P, Sabia S, Touvier M, Kesse E, Bréart G, Clavel-Chapelon F, Boutron-Ruault MC. Proteins, dietary acid load, and calcium and risk of postmenopausal fractures in the E3N French women prospective study. J Bone Miner Res. 2008 Dec;23(12):1915-22.
  30. Murakami K, Sasaki S, Takahashi Y, Uenishi K. Association between dietary acid-base load and cardiometabolic risk factors in young Japanese women. Br J Nutr. 2008 Sep;100(3):642-51. Epub 2008 Feb 18.
  31. Zwart SR, Davis-Street JE, Paddon-Jones D, Ferrando AA, Wolfe RR, Smith SM. Amino acid supplementation alters bone metabolism during simulated weightlessness. J Appl Physiol. 2005 Jul;99(1):134-40. Epub 2005 Feb 3.
  32. J.P.Nicholson, M. R. Wolmarans and G. R. Park. The role of albumin in critical illness Br J Anaesth 2000; 85:599–610
  33. THE JOURNAL OF BIOLOGICAL CHEMISTRY Vol. 278, No. 48, Issue of November 28, pp. 47376–47387, 2003. Human Glycated Albumin Affects Glucose Metabolism in L6 Skeletal Muscle Cells by Impairing Insulin-induced Insulin Receptor Substrate (IRS) Signaling through a Protein Kinase C-mediated Mechanism.Claudia Miele, Audrey Riboulet, Maria Alessandra Maitan, Francesco Oriente
  34. Platelets.2009 May;20(3):206-15.Glycated albumin modulates platelet susceptibility to flow induced activation and aggregation. Rubstein DA, Yin W.
  35. Biochimie.2011 Apr;93(4):645-58. Epub 2010 Dec 16.The glycation of albumin: structural and functional impacts. Rondeau P.
  36. Diagnostica differenziale con bioimpedenza-Medical Device BIA-ACC-Biotekna. ECW=acqua extracellulare, ICW=acqua intracellulare, FFM=Fatt Free Mass:massa magra, Skeletal muscle FFM=massa muscolare, Tbprotein=Total Body Protein: proteine totali, ECM=extracellular matrix:matrice extracellulare.

Albumin: actions and interactions. Benefits from a buffered albumin supplementation: Pralbumina
Author: Dario Boschiero, Laura Converso – Rev. 1   Data: 11/02/2013

Altri Approfondimenti: